Ho realizzato Il Sogno

Amici, che bello quando, dopo molto tempo, riesci ad ottenere ciò che tanto desideravi…
Tre giorni fa sono stata al concerto di Brescia della mia Loreena McKennitt e tutta la giornata è stata semplicemente incredibile… sono tornata dal viaggio ieri pomeriggio, mi ci è voluto un po’ per riprendermi da questi giorni devo dire molto stancanti… ma vi giuro che rifarei tutto da capo!
Io ed Ale siamo partiti la notte tra sabato e domenica da Ancona. Abbiamo cercato di dormire un po’, ma inutilmente perché c’era una famiglia che faceva un macello assurdo nello scompartimento vicino a noi… ma in un modo o nell’altro siamo arrivati a Brescia alle 7 del mattino, quando ancora la città dormiva.
Il concerto si sarebbe svolto nella piazza del duomo e quindi ci siamo subito incamminati per trovarla; sarebbe bastato orientarsi guardando la cupola del duomo che si vedeva abbastanza bene, ma noi, che in stupidità non ci smentiamo mai, ci siamo fatti un giro enorme prima di arrivare lì… non c’era ancora nessuno, c’era già solo il palco, le sedie, un paio di camper e qualche tendone dietro il palco per i vari staff, ma era tutto messo male perché non era l’unico concerto che facevano lì questi giorni e allora quello che hanno potuto lo lasciavano stare così.
Io ed Ale ci siamo messi da quelle parti a gironzolare e cazzeggiare. Con le ore che passavano abbiamo visto arrivare tutti i tecnici e il resto dello staff che preparava il pranzo. Ci avevano detto che Loree sarebbe arrivata verso le 4 o 5 del pomeriggio ma noi non ci siamo mossi tutto il tempo, sopportando stoicamente il sole cocente o lo scroscio assurdo di pioggia che c’è stato nel primo pomeriggio.
Poi finalmente Loreena è arrivata! Io e Ale non vi dico in che stato eravamo… Loree appena ci ha visti (siamo stati credo i primi ad averla vista) penso che si sia anche preoccupata perché tra un po’ cascavamo per terra dall’emozione… ci ha promesso che dopo il concerto avrebbe fatto tutte le foto che volevamo, ed è dovuta scappare a fare le prove, lasciandoci un po’ turbati.
E qui apro una parentesi… Loreena, coi suoi oltre 20 anni di carriera, più che dei fan dovrebbe avere degli "estimatori", e da questa parola si suppone che a) queste persone siano più adulte, e b) siano più mature rispetto ai fan di Avril Lavigne o, dio me ne guardi, dei Tokio Hotel. E invece no! Subito dopo questo fatto ci si sono avvicinati due stronzi quarantenni che sghignazzando ci hanno detto che invece loro erano riusciti a farsi una foto con lei. Proprio sono venuti lì apposta per riderci in faccia e ci hanno perseguitato tutta la sera continuando ad infierire e riderci dietro, e vai a capire perché ci avevano presi di mira. Poi ce n’era un’altra brutta come la fame che seguiva tutto il tour e che ogni volta lasciava dei regalini per lo staff, per i musicisti e per Loree ovviamente, si ingraziava il manager per avere il pass da fotografa (che ha avuto). Poi c’erano quelli che dicono di seguirla ma poi manco sanno come si chiama. "Lorena" la chiamavano. Alcuni addirittura "Lorena McDonalds". Non commento il "McDonalds", ma scusa eh, ma se sul nome ci stanno due "e" ci sarà un motivo, no?
Per fortuna abbiamo incontrato anche una coppia che invece era sana di mente e sono stati anche molto simpatici. Non gli abbiamo chiesto come si chiamavano, ma spero di vederli in un altro concerto perché erano proprio gentili con noi. In generale però, ho concluso che i fan sono una razzaccia. Dopo quelli di Star Wars e quelli di Laura Pausini, mi vedo costretta a mettere la croce anche su quelli di Loreena.
Tornando a me ed Ale, abbiamo assistito alle prove con l’animo in tumulto perché pensavamo che sarebbe stato impossibile, dopo il concerto, avvicinarla con tutti quegli altri intorno. Dopo le prove Loree è entrata del duomo medievale ad osservarlo per parecchio tempo (io mi sono affacciata ma non potevo entrare perché avevo la gonna corta, no comment) ed è andata a mangiare suppongo, cosa che abbiamo fatto anche noi.
Finito di cenare siamo tornati nel posto e abbiamo preso i biglietti che avevamo già prenotato online mesi fa. Seconda fila del settore centrale… non male direi!Avevamo i posti numerati e quindi non abbiamo dovuto sopportare la solita calca per arrivare primi, ci siamo seduti tranquillamente ad aspettare finché il concerto non è iniziato…
Loree era splendida con un vestito lungo e svolazzante viola e nero… sempre meravigliosa e dolcissima. Ancora una volta mi trovo in difficoltà a scrivere cos’ho provato riascoltandola di nuovo dal vivo perché di parole veramente non ce ne sono. Poi beh, sentire di nuovo, tra tutte le meravigliose altre, la canzone più bella della tua vita è una sensazione che commuove anche se l’hai vissuta infinite volte…
Una cosa singolare che ho osservato è che mi sembrava assolutamente, e stranamente, naturale trovarmi lì a pochi metri da lei e vederla così da vicino, come se fosse una cosa scontata e non avrebbe potuto non essere altrimenti. Dopo esserci spellati le mani con tutti gli applausi frenetici e colmi di uno strano calore che partiva dal cuore, all’ultimo brano ci siamo alzati dalle sedie e radunati tutti sotto al palco per vederla suonare ancora l’arpa e immortalarla nella mente.
Quando io ed Ale abbiamo capito che il concerto era finito, ci siamo precipitati subito dietro il palco aspettando trepidanti la nostra amatissima e… beh, non ho mai visto una cosa del genere.
Loree aveva fatto transennare una parte in cui noi ci potevamo mettere in fila e lo staff ci faceva entrare a gruppi di quattro per volta. Lei si è cambiata ed è arrivata poco dopo… ed ha ricevuto TUTTI.
Non sto scherzando, è stata lì per tutti coloro che volessero, e fino all’ultima persona non se n’è andata!! Voglio dire, quando mai avete sentito qualche artista fare una cosa simile? In genere solo i più fortunati riescono ad avvicinare i cantanti dopo i concerti… e invece lei era lì apposta per noi.
Io sono entrata col secondo gruppo di persone. Non capivo più niente… dopo anni ero finalmente faccia a faccia col mio modello di vita!! Lei era lì che mi sorrideva dolcissima e io l’ho abbracciata forte dicendole che è fantastica e che la amo!! Lei mi diceva "grazie, grazie"… A me diceva grazie!! E’ fantastica… le ho detto "Loree, ma grazie a te!!" Ci siamo fatte la foto e mi ha autografato il libretto di un cd prima edizione che ho… Ale addirittura aveva un suo vinile ormai fuori produzione da anni, anche lei si è sorpresa di vederlo! Ora con anche l’autografo è praticamente inestimabile…
Dopo tutto ciò sono seguite varie telefonate in preda all’emozione perché dovevo assolutamente dire a qualcuno che avevo parlato con Loree. Mi hanno scambiato per ubriaca ma poco importa, ero troppo felice.
Siamo rimasti lì a vedere Loree che accoglieva tutti, poi quando se ne sono andati tutti lei è andata a farsi una passeggiata per vedere non so quale parco che le avevano consigliato di visitare.
Ale ed io eravamo ancora lì, primi ad essere arrivati ed ultimi ad andarcene. Dovevano venirci a prendere i parenti di Ale che ci ospitavano per la notte ma ancora non erano arrivati, così siamo rimasti lì ad aspettare… nel frattempo Loree era anche tornata dal parco e stava andando via, l’abbiamo salutata in italiano e lei ha fatto altrettanto rivolgendoci un ultimo sorriso meraviglioso… poi è andata via col furgoncino.
Mammamia, è unica…
Poco dopo finalmente ce ne siamo andati anche noi esausti.
Ci ha ospitato la cugina di Ale che vive col marito nei dintorni di Brescia. Sono stati molto gentili e simpatici e ci hanno invitato a restare anche il giorno dopo per visitare le zone intorno al lago di Garda. Ma più che altro abbiamo fatto da baby-sitter ai loro tre figli piccoli che urlavano sempre e non stavano mai un minuto fermi… avrei gradito almeno se l’altroieri sera non si fossero accampati in camera con Ale che aveva il mal di testa a saltare sui materassi. Ovviamente con noi sopra.
Mi hanno fatto passare abbastanza la voglia di avere bambini in futuro…
Ieri mattina siamo partiti da Mantova, ma non prima di aver salutato una nostra vecchia amica, Tiziana, che ci ha accompagnati alla stazione e ci ha fatto fare un breve giro della città.
Stanchezza a parte, rifarei tutto da capo però… in tre giorni ho sopportato viaggi insonni, climi e persone assurdi, bambini esasperanti e soprattutto i sandali coi tacchi, le uniche scarpe che mi ero potuta portare, che mi hanno distrutto i piedi… ma se penso che è stato tutto per vedere Loreena mi sembra anche un prezzo ragionevole.
Non prendetemi per una bimbaminkia, ma lei è più di una cantante per me. Lei è il mio modello di vita, l’esatto tipo di persona che vorrei diventare da grande, padrona della propria vita, serena e felice nonostante gli alti e i bassi. Per me è stato importante averla potuta conoscere di persona e dirle quanto è importante per me, era un obiettivo che mi ero posta con fermezza e finalmente l’ho raggiunto… non c’è soddisfazione più grande di questa.

Ora vi posto le altre foto che ho fatto… quelle del concerto in teoria non credo che si potevano fare, ma quello che doveva dirlo mi sa che ci è scordato… comunque mi sono molto limitata 🙂
Ora vi saluto… e naturalmente W LOREENAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!

The satisfied GODDESS.

PS: Nota dolente… sabato comincio a lavorare di nuovo all’Autogrill… ebbene sì, torno all’inferno… domenica addirittura devo svegliarmi alle 5 per fare il doppo turno!! Ma se nella vita non ci fosse bisogno dei soldi quanto si starebbe meglio???

Annunci

Informazioni su Arianth

Sono un'antropologa arrabbiata.
Questa voce è stata pubblicata in Myself. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...