Alla fine è successo…

Alla fine ti ho incontrato. Dopo quasi 7 lunghe settimane.
Non è stato proprio un incontro, visto che io ero da una parte della strada e tu dall’altra, forse nemmeno mi hai vista… te ne stavi lì appoggiato alla soglia del negozio, con quel giubbotto di jeans che una volta mi mettesti sulle spalle per non farmi prendere freddo, tanto tempo fa…
Io ho accompagnato mamma a scuola e poi ti sono passata davanti inesorabile, testa alta, spalle dritte, con la prima canzone dell’album nuovo degli Evanescence sparata nelle orecchie a volume alto, quasi come a sperare che il ritmo incalzante mi desse forza.
Ma dentro ho provato un malore incredibile… non credevo che fosse possibile ma è così… ho ancora il cuore che mi batte fortissimo e la mente in subbuglio totale…
Perché mi fai questo?? Perché quando io mi sento bene devi riapparire tu e sconvolgere tutto?? E perché ancora non riesco a rassegnarmi…
Chissà se vedendomi passare anche tu hai provato quello che ho provato io…
Ma no… non credo… se fosse così, tutto questo non sarebbe successo e io e te saremmo ancora amici… verrei a casa tua, canterei con te, ti sentirei dedicarmi le canzoni… ecco, è questo che mi manca più di tutti… mi manca sentirti cantare per me…
E pensare che una volta eri il mio cantante preferito… e pensare che sono stata la tua prima fan, quella che ti diceva di non interessarti se la tua famiglia non credeva che tu fossi bravo… ero la prima… la prima in tutto, nella tua vita…
Ma tu diresti semplicemente che questo è uno dei miei soliti discorsi strappalacrime, a cui hai giurato a te stesso che non saresti mai caduto, diresti che ora non t’importa più di niente, diresti "meglio così"…
Già… meglio così… anche io me lo dico sai? Eppure io non riesco a darmi ascolto come fai tu. Non riesco a vivere con la continua paura che qualcuno che noi sappiamo parli dicendo che io ti ho fatto 5 anni di male, 5 anni in cui per causa mia ti sei rovinato… sai anche tu che non è così, per quanto vuoi – e stai riuscendo – a convincerti del contrario.
Il capitolo della mia vita che iniziava col tuo nome è finito per tuo volere… e adesso ne ho iniziato un’altro, fatto di amici veri, nuove esperienze, e finalmente anche di qualcuno di inaspettato che ha saputo vedere dentro di me che non sono così cattiva, che mi rispetta per come sono, una persona a cui ora non potrei mai rinunciare…
…Se c’era posto anche per te? Certo… ma sei tu che non ne hai voluto far parte… ed ora restano solo ricordi che mi fanno sorridere e pensare che ora non sei più così.
Vorrei solo poterti dimenticare… ma so già che non ci riuscirò mai completamente… e questo mi fa stare troppo male…
 
Lil’John
(Dico a te… ti amo…)  
Annunci

Informazioni su Arianth

Sono un'antropologa arrabbiata.
Questa voce è stata pubblicata in Myself. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...