Blue

Buongiorno…
 
Ieri sera siamo stati a cena del mio compleanno, mi sono un sacco divertita, mi hanno fatto dei regali veramente carini e sono stata molto contenta. Ma soprattutto il regalo più bello è stato quello di una fantastica persona che con quello che ha fatto (anzi, dovrei dire che NON ha fatto) mi ha reso la persona più felice del pianeta… grazie, grazie e ancora grazie, con tutti i casini che mi stanno capitando dovevi mettertici anche tu a rovinarmi la vita, vero? E non lo dico in senso tragico e melodrammatico come potrebbe dirlo una stupida ragazzina, lo dico perché stavolta è vero e per sempre. Nel mondo esiste una persona che in un solo momento e con un solo gesto mi ha rovinato la vita, materialmente e spitirualmente. Grazie. Questo vuol dire pensare a me. Questo vuol dire veramente avere un solo cuore e una sola anima in due. Grazie.
 
Se per una volta posso essere meno idiota e più me stessa (la vera me stessa, non quella che oltre a sparar cazzate filosofeggia sui rapporti umani e sui blog, sulla scrittura sms e che si auto-intervista), voglio dirvi che è dura… è dura svegliarsi la mattina e uscire di casa camminando a testa alta quando dentro stai morendo e ogni singola cellula del tuo corpo urla perché una tra le persone che ami di più al mondo ha cessato di provare quello che provava per te prima, lasciando il posto ad una sordida indifferenza… è dura ammettere persino a me stessa quanto sto soffrendo, e provo a soffocare tutto dicendo stronzate a vanvera e facendo la scema, ma è un dolore che purtroppo va al dilà di ogni cosa, al dilà persino delle lacrime, a cui posso sopravvivere a malapena solo non ascoltandolo e sforzandomi di concentrarmi su altre cose… ma è come un rumore di fondo che mi tormenta.
Io volevo solo allentare i rapporti, ero d’accordo su questo, lo sapevo, lo avevo accettato… non volevo che si rompessero del tutto. Ma non ho avuto scelta. E adesso che cosa dovrei fare con questa persona, dovrei odiarla? Magari… sarebbe tutto più semplice… Dovrei ignorarla e poi dimenticarla? Non posso, non ci riesco… Mi resta solo un vuoto dentro che nessuno colmerà mai più, migliaia di ricordi belli e brutti di cui avrò paura a parlare. E l’unica cosa che posso fare è rinchiudermi dentro la mia corazza immaginaria, continuando a sorridere e a dire al mondo che va tutto bene… anche se onestamente non so se stavolta ce la farò a far finta di essere forte e superiore a queste cose, non so se riuscirò mai più a sollevarmi totalmente… Sono stanca di essere una roccia, vorrei soltanto potermi lasciar andare, ma non posso permettermi questo lusso.
Grazie a Dio ho degli amici che adoro col tutto il cuore che mi stanno vicini, i momenti in cui ci penso di meno sono quando sto con loro… ma il senso di perdita, di fallimento che ho non me lo toglierà mai nessuno… Ho fallito… ho sbagliato un’infinità di cose che non mi saranno mai più perdonate, e adesso avrò per sempre l’anima nera e un cuore a metà… 
 
Ed ora il cielo piange insieme a me…
 
Vi voglio bene,
Lil’John.
 
Ps: mi scuso se vi ho fatto deprimere con questo post.
 
Annunci

Informazioni su Arianth

Sono un'antropologa arrabbiata.
Questa voce è stata pubblicata in Myself. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...